Lettera a una neomamma

Cara mamma,

benvenuta in questa meravigliosa avventura!!! per alcune si diventa mamme non appena si vedono comparire le due lineette, per altre quando si avvertono i primi calcetti, per altre ancora quando si inizia a pensare e a fantasticare di averlo o averla tra le braccia.

Con questa lettera, vogliamo rivolgerci a te mamma e dedicarti un po’ di tempo. Da quanto tempo qualcuno non ti dedica del tempo?? Puoi dirlo tranquillamente.. adesso tuo marito, i tuoi genitori, i tuoi fratelli.. sono tutti presi dal tuo piccolo e tu passi in secondo piano!!! purtroppo anche tu hai poco tempo da dedicare a te stessa da quando è arrivato il tuo piccolo.

Cercheremo di darti qualche consiglio psicologico ma non solo, cercheremo di descrivere in modo realistico la vita di una neo mamma; alcune cose ti sembreranno banali, altre le condividerai, altre ancora ti sembrano lontane dal tuo essere mamma. Non tutto ti può andare a genio!!!

Iniziamo dall’inizio..stabilisci il tuo inizio.. quando hai realizzato di aver acquisito un nuovo ruolo??non più figlia, zia, moglie ma mamma!!!

Nei nove mesi di attesa del vostro piccolo, vi sarete dedicate alla preparazione della sua cameretta, della fatidica valigia, e sarete state assalite da emozioni diverse (complici anche gli ormoni!!!); felicità per l’arrivo del figlio e per la possibilità di realizzare un sogno che si sta concretizzando; ma anche tanta paura… alzi la mano chi non ne ha provata!!!

Molte si sono chieste e si chiederanno anche nei mesi o anni successivi: sarò una brava mamma?? ce la farò a coniugare il lavoro con la famiglia?? saprò crescere il mio piccolo!!

Queste paure sono paure legittime.. non ascoltare la gente.. ora ti spieghiamo perché provi paura!!

La paura la riconosciamo sempre come un’emozione negativa ma non è cosi.. la paura ha una sua utilità.. ti mette in situazione di allerta, ti rende più vigile..

E’ normale provare paura quando hai tra le braccia, un cucciolo indifeso che sai dipendere moltissimo da te; il senso di responsabilità aumenta la paura.

Poi prova a farti qualche domanda sulla tua storia personale.. quale è la cosa che più ti dava fastidio dei tuoi genitori? Hai paura di ripeterla? Che rapporto hai con la dipendenza?? ti spaventa?’ il bimbo dipenderà per molto tempo da te.. anche se in un batter d’occhio crescerà e reclamerà la sua indipendenza!

Avete presente le classiche scene di un adolescente che si chiude in camera e dice: “mamma non rompere!!”.

Quando il vostro piccolo sarà tra le vostre braccia.. dimenticherete per qualche giorno paure e preoccupazioni ed entrerete in una sorta di estasi totale.

A volte mamma sarà faticoso gestire tutto e hai la sensazione di non farcela assolutamente… il ritmo delle poppate.. la pulizia della casa.. la cena da imbastire.. ricorda che hai bisogno di tempo per riposare e cerca di coinvolgere il tuo compagno o marito.. ovvero il papà!!

Un capitolo a parte meriterebbe il rapporto con lui ma ti accenno qualcosa; hai la sensazione che si sia rotto qualcosa tra di voi?? a volte non lo sopporti?non avete più tempo per la vostra intimità? Prova a pensare che un figlio rompe inevitabilmente un equilibrio che si era precedentemente creato e quindi col tempo dovrete trovare un nuovo equilibrio che inevitabilmente contemplerà il vostro oggetto d’amore!!

Lo so mamma che non è facile dividersi tra il bisogno di accudire il tuo piccolo e la ricerca di sintonizzazione e ricerca di piacere con il vostro partner. In più tu devi fare i conti col tuo corpo, ed è un corpo che necessariamente è cambiato!!

Col passare dei mesi avrai di nuovo voglia della tua intimità e se vivi sensazioni contrastanti, ascoltale e lasciati guidare da ciò che vuoi fare in questo momento!!

A volte, dobbiamo dirlo, fare la mamma può pesarti, magari perché non hai spazi per te oppure semplicemente la tua storia personale viene a galla e ci sono alcuni nodi da sciogliere; se ti accorgi di questo e hai delle difficoltà a gestire il tuo piccolo, fatti aiutare da uno psicologo.

Purtroppo ai corsi pre-parto ci si dimentica di dire questo…tutti hanno paura di dire che a volte può essere difficile, quasi impossibile ma non è colpa tua. Vedila come un’occasione per mettere ordine al caos del passato ed a scoprire che tipo di figlia sei stata e quindi da dove provengono alcune tue sensazione e paure!

Infine non possiamo dirti che ne vale proprio la pena.. le notti insonni, la stanchezza diventeranno presto un ricordo lontano.. Buona Vita Mamma.

Gruppo LabirinTo

Cso Francia 253 Torino

Cell 3408715241

info@psicolabirinto.it

Lascia un commento