Scienze occidentali e orientali per il benessere psicologico

La psicologia: tra oriente e occidente

Da secoli l’uomo cerca risposte sulla natura della propria coscienza e identità indagando il profondo e cercando risposte e definizioni al concetto di mente ed estendendo poi la ricerca al senso profondo della vita.

La psicologia, come noi la conosciamo, ha indagato con metodo scientifico le dinamiche psichiche cercando paradigmi e schemi per analizzare e contribuire alla risoluzione delle psicopatologie. Solo recentemente la psicologia della salute ha aperto una nuova prospettiva alla ricerca e alla formazione, prediligendo un approccio orientato al benessere e alla prevenzione più che alla mera cura della psicopatologia.

Ecco una definizione offerta da Matarazzo (1980):

”La psicologia della salute è l’insieme dei contributi specifici (scientifici, professionali e formativi), della disciplina psicologica, indirizzati alla promozione e al mantenimento della salute, alla prevenzione e trattamento della malattia e all’identificazione dei correlati eziologici, diagnostici della salute, della malattia e delle disfunzioni associate e all’analisi e al miglioramento del sistema sanitario e di elaborazione delle politiche della salute”.

Questo, in sintesi, il contributo occidentale dato dalla psicologia alla ricerca sulla mente, sulla coscienza e sull’identità.

Dando uno sguardo invece alla ricerca interiore in oriente è la cultura millenaria, la scienza sapiente ed empirica a farla da padrone. Secoli di osservazioni e prove hanno portato alla costruzione di metodi non solo per la guarigione psichica, ma soprattutto per la prevenzione e il mantenimento del benessere interiore, principalmente su base empirica ed esperienziale, hanno formulato articolate tecniche per la ricerca interiore, la meditazione e strutturato intensi percorsi per una conoscenza personale sempre più profonda.

Discipline come il buddismo, lo yoga, le varie forme di meditazione, l’attenzione al respiro hanno da subito concentrato l’attenzione alla dimensione integrale dell’uomo, scartando a priori ciò che in occidente è noto come il dualismo cartesiano.

Queste discipline esperienziali hanno saputo integrare perfettamente la dimensione del pensiero con la più concreta fisicità, anticipando di molto la visione, che verrà adottata anche dalla psicologia moderna, di un uomo visto come unità biopsicosociale.

Ci sono stati pallidi tentativi di integrare queste due visioni dopo un primo momento di incomprensione reciproca, e l’incontro tra queste due visioni, quantomeno suggestivo, sta timidamente portando a significativi contributi per una scienza della mente integrata.

Sempre più professionisti occidentali integrano la loro visione scientifica della mente con le culture millenarie di ricerca interiore, dando vita così ad una reale e globale scienza integrata della mente.

Il Gruppo LABirINTO offre esperienza di yoga, meditazione, mindfullness e tecniche di respiro e rilassamento a tutti coloro che sentono la necessità di una maggiore integrazione tra mente e corpo.

Per info: 3408715241

Lascia un commento