Chi ha bisogno dello psicologo?

Vogliamo tracciare un identikit di colui/colei che potrebbe accedere a una consulenza psicologica o ad un percorso terapeutico.

Due precisazioni. La prima è che usiamo il condizionale perché crediamo fortemente che c’è un tempo per accedere ad un percorso… un tempo personale.

La seconda precisazione riguarda la motivazione. Se la motivazione che spinge le persone è lo stare bene, siamo nell’area corretta, ma lo stare bene non coincide né con l’immediatezza né con una scaletta precisa da seguire che allevi la sintomatologia. Quando un paziente si accinge al suo primo incontro noi siamo chiari sin da subito: non siamo dei maghi… non si risolve la sofferenza in due o tre sedute. Il percorso terapeutico deve portare ad un cambiamento e non semplicemente a tenere a bada una sintomatologia o ad evitare una ricaduta; per questo esistono i farmaci.

Chi è che potrebbe accedere ad un percorso terapeutico? Ecco i vari identikit.

  • Sei una persona irascibile… la rabbia è qualcosa che ti fa star male, vieni accusato dalle persone significative della tua vita che le fai star male, le etichetti, le accusi continuamente. Spesso le tue storie sentimentali sono burrascose. Sei un amante del rischio e ti senti continuamente non capito dagli altri.

  • Sei una persona che gli altri possono giudicare come introversa, fai fatica a stare in gruppo, fuggi dalle situazioni sociali, gli altri ai tuoi occhi, appaiono sempre felici e brillanti e tu invece ti vedi come una persona che non sa cosa dire cosa fare, ti senti raramente all’altezza delle situazioni.

  • La tua vita è contraddistinta dall’ansia; sei colui che definiscono “carico di ansia”. La tua ansia ha tante sfaccettature: non riesci a dormire, hai paura che accada qualcosa, fai fatica a mangiare, i tuoi pensieri entrano in una sorta di loop emotivo da cui è difficile uscire.

  • Le tue relazioni amorose ti rendono la vita difficile… non riesci a capire come mai le tue storie vanno a finire così, non ti fidi del partner, vorresti una relazione duratura e matura ma alla fine la relazione termina prima che si trasformi in un progetto di vita.

Sappiamo bene che anche se ti ritrovi in uno di questi identikit, non è detto che tu abbia voglia di intraprendere un percorso. Non ci si forza… si prende appuntamento solo quando i tempi saranno maturi.

Lascia un commento